Che cosa è lo s.m.i.l. o lo s.m.i.l. training?

s.m.i.l. logo + titel nuovo.50%

1- Che cose è “s.m.i.l.” ?
2- Come funziona “s.m.i.l.” ?
3- Quali sono i risultati concreti di “s.m.i.l.” ?
4- Come si può imparare “s.m.i.l.” ?
5- Quanto costa imparare “s.m.i.l.” ?

 1- Che cose è “s.m.i.l.” ?
s.m.i.l.” (Self-Meeting-In-love) è un metodo di crescita del benessere che serve a migliorare in modo autonomo la propria salute fisica, psichica o mentale, così come anche quella di una collettività.
s.m.i.l.” desensibilizza le reazioni iper-emotive difficilmente controllabili razionalmente. Laddove prima l’iperemotività ci bloccava dolorosamente, scopriamo adesso rilassamento, spazio, fiducia e curiosità.
s.m.i.l.” sveglia e rinforza le nostre capacità auto immunitarie e curative attraverso il respiro, l’attenzione “non-giudicativa” delle nostre percezioni e integrando in maniera rispettosa il nostro “vissuto” .
2 Come funziona “s.m.i.l.” ?
Quando rifiutiamo o ignoriamo, più o meno consapevolmente, quello che stiamo vivendo perché ci ferisce, in fondo, in quel momento vogliamo che la vita sia diversa da quello che “è”, e così in qualche modo ci separiamo dalla realtà del “qui ed ora”.
“L’esperienza reale” si allontana della nostra sfera di controllo e azione per sviluppare una crescita sempre più separata da noi, dai nostri desideri e bisogni.
Man mano diventiamo “spettatori” passivi, spesso “vittime” della nostra stessa vita. Ci sentiamo ora più che mai impotenti, incapaci di gestire e mettere in atto i cambiamenti che desideriamo.
Ci sentiamo prigionieri di una catena infinita di eventi e delle loro conseguenze che ci impediscono di vedere una via d’uscita.
Un taglio netto, una separazione per così dire dal “vissuto”, può essere necessaria, può perfino, in una situazione traumatica, salvarci la vita, ma rimane pur sempre una soluzione di “pronto soccorso”; ci porta sollievo, ma non ci porta guarigione.
La guarigione non è un tornare indietro verso un presunto stato di salute ideale, ma è sempre un passo avanti verso una crescita individuale più ampia, più matura.
Attraverso il riconoscimento e l’accettazione della situazione così com’è, “s.m.i.l.” supera questa separazione tra la realtà “qui ed ora” e la “realtà ideale”.
Nello “s.m.i.l.” vengono utilizzate diverse tecniche di respiro e sopratutto si impara a praticare un approccio attraverso il quale, curiosità, fiducia e rispetto permettono un incontro “sostenibile” con un’ esperienza reale temuta.
Essere in grado di accettare un’esperienza, che fino a quel momento era inaccettabile, “attraverso” il proprio corpo, ha lo stesso effetto del “re-setting” di un programma informatico andato storto.
Nel momento in cui ci “ricolleghiamo”, possiamo di nuovo agire e le nostre capacità guaritrici si riattivano.
Questa forma di auto-guarigione è molto creativa, spesso porta a risultati inaspettati e promuove una crescita personale che nessuna soluzione “ragionevole” avrebbe mai potuto concepire.

“s.m.i.l.” ci aiuta a prendere distanza dall’incessante carosello dei nostri pensieri.
“s.m.i.l.” ci riconnette con il nostro corpo e le nostre emozioni.
“s.m.i.l.”ci aiuta a normalizzare e superare esperienze stressanti o dolorose. In particolare ci aiuta a gestire in modo autonomo e con successo:
lo stress cronico: esaurimenti nervosi, ansia, blocchi emotivi, tensione permanente…
lo stress acuto: crisi di panico, vertigini, fobie e paure varie (dell’altezza, degli esami, di guidare, divolare così come di certi animali o insetti…)
ma anche gli stati iper-emotivi eccessivamente coinvolgenti (timidezza, rabbia, diffidenza, gelosia, ripianti e pianti..)
“s.m.i.l.” attiva e dinamizza le nostre capacità di auto-guarigione.
“s.m.i.l.” promuove un comportamento responsabile verso noi stessi e il nostro prossimo.
“s.m.i.l.” ci apre dolcemente a un atteggiamento di umiltà e gratitudine nei confronti della vita.
“s.m.i.l.” praticato collettivamente aiuta a migliorare l’ambiente sociale che ci circonda.
“s.m.i.l.” può fiancheggiare le terapie tradizionali, sia fisiche che psichiche ma…
“s.m.i.l.” è un training non è una terapia, NON sostituisce né una diagnosi, né tanto meno un trattamento medico o psicoterapeutico.

3Quali sono i risultati concreti di “s.m.i.l.” ?
“s.m.i.l.” permette di sviluppare una distanza “consapevole” e costruttiva da ogni forma di stress fisico, psicologico o mentale. Questa forma di distanza consapevole lenisce o libera completamente dal peso dello stress stesso.
Si impara, accettando lo stress o il dolore così come sono, a non rassegnarsi, ma a “integrare” queste esperienze nel quotidiano per riuscire ad andare oltre e trovare nuove alternative. Laddove prima ci “chiudevamo” per non sentire, iniziamo ora ad accettare e di conseguenza ad espandere i nostri orizzonti per trovare nuovi equilibri in uno spazio molto più ampio. I sintomi dolorosi o stressanti perdono centralità e spesso spariscono del tutto.
Chi pratica “s.m.i.l.” si sente sempre meglio nella sua pelle, più sicuro di sé e fiducioso di fronte alle sfide della vita.

4- Come si può imparare “s.m.i.l.” ?
Attualmente il metodo “s.m.i.l.” può essere imparato o in un training individuale o in un training di gruppo.
a) Training individuali: si tengono a “le tre fonti” – Macereto di Piegaro (PG) – o su richiesta fuori sede.
Si può imparare e praticare “s.m.i.l.” in incontri individuali di più o meno 1 ora ciascuno. La durata del processo d’apprendimento è soggettiva e dipende anche dal tempo che si ha a disposizione a casa per esercitarsi.
Il training è intensivo nelle prime due settimane. Man mano che l’esperienza cresce e il sintomo sul quale si lavora perde sensibilità si fa passare sempre più tempo tra un incontro e l’altro. Secondo la mia esperienza ci vogliono dai 10 ai 20 incontri in media (da un mese e mezzo a tre mesi).

b) Training di gruppo: si possono tenere sia a “le tre fonti” che in qualunque altro posto in base alle esigenze del gruppo stesso e possono comprendere dalle 7 alle 10 persone.
Non è possibile lavorare in un training di gruppo su un’ iper-emotività o una fobia individuale perché questo training richiede un spazio più protetto, ma si possono imparare due specifiche forme di rilassamento che aiutano sia a gestire lo stress cronico che a cambiare e migliorare un atteggiamento psicosomatico nocivo o a migliorare un ambiente collettivo.
Secondo la mia esperienza ci vogliono circa 10 incontri con eventualmente l’aggiunta di altri due a qualche mese di distanza.

5Quanto costa imparare “s.m.i.l.” ?
a) il training “s.m.i.l.” individuale, su appuntamento nella struttura “le tre fonti”, della durata di circa un’ ora costa 30,00€ + iva.
Fuori sede un incontro della stessa durata costa 45,00€ + iva.
b) il training “s.m.i.l.” di gruppo a partire di 4 persone, nella struttura “le tre fonti”, della durata ci circa un’ora e mezzo costa 10,00€ + iva a persona
O fuori sede un incontro della stessa durata costa 15,00€ + iva a persona

“s.m.i.l.” non è la pillola rosa dei miracoli che fa sparire in un attimo tutte le cose brutte della vita.
“s.m.i.l.” è un training dove si impara passo a passo e autonomamente a cambiare quello che
vogliamo della nostra vita e di noi stessi per sentirci meglio. Richiede coraggio riuscire ad affrontare quello che normalmente cerchiamo a tutti i costi di sfuggire, ma “s.m.i.l.” è molto efficace, e sopratutto più semplice da imparare e da integrare nella vita quotidiana di quanto non si immagini.
“s.m.i.l.” fa sparire “l’insopportabile” e ci rende più liberi e sereni.
“s.m.i.l.” arricchisce la vita dei “rassegnati” e dei “sofferenti” in un modo che non avrebbero mai potuto immaginare prima.

a presto…

Yves Ratheau

PS: Nel ambito della prevenzione dello stress propongo anche presentazione gratuita sul tema: “ che cosa è veramente lo stress?” dove si può anche sperimentare diverse forme di rilassamento per la vita quotidiana.

 

 

Annunci