Aiuta lo Yoga contro lo stress?

Cosi si vedeva il yoga contro lo stress nella Francia dello 1950!

Annunci

Do, be, do, be, do….. (to do, to be, to do, to be….)

rocktaenzer   s.m.i.l. logo+titel - 50%

  Questa simpatica descrizione di come “balla” la nostra “coscienza” tra l’emisfero destro e sinistro del nostro cervello (tra il fare e il essere) viene dal fisico americano “Amit Goswami”.
L’emisfero sinistro del nostro cervello responsabile in particolare della nostra attività logica, per nostro pensiero analitico e per le nostre necessità di sopravvivenza funziona in “beta” tra 15 e 35 Hertz (cicli/secondi). L’emisfero destro del nostro cervello è invece responsabile delle nostre attività associative, creative, relazionali, emotive, rigenerative e funziona in “alfa” tra 7 e 14 Hertz.
Queste due modi di percepire, riconoscere e elaborare (l’analitico e l’associativo) hanno due velocità diverse.
Si spiega perché non possiamo essere svegli/attivi e distaccati/intorpiditi
 allo stesso momento…
Invece possiamo passare senza difficoltà da uno stadio all’altro, dal “fare” (to do) all’”essere” (to be), tra ie 13 e le 16 Hertz. In questo ambito ciclico possiamo sincronizzare ambedue emisferi del nostro cervello.
Questa capacità chiamata “presenza” incrementa sia le nostre capacità mentali che nostro benessere fisico.

La sincronizzazione di ambedue gli emisferi è così importante per la nostra salute psichica e per la nostra capacità di relazionarsi con il mondo, che fa parte integrale del training che devono svolgere gli astronauti russi prima di lasciare la terra per andare nello spazio.

 

Qual è da differenza tra sensazioni, emozioni e sentimenti?

s.m.i.l. logo+titel - 50%               

  Le sensazioni (caldo, freddo, teso, piacevole, doloroso etc..) sono la materia prima con cui si esprime nostro corpo.
Le emozioni (tristezza, gioia, rabbia, perplessità etc…) sono sensazioni in movimento, sono energia già collegata con la nostra mente, con le nostre “valutazioni”, ma a un livello primordiale, lineare, di breve durata; SI mi piace/NON LO SO se mi piace/NO non mi piace.
I sentimenti invece sono più complessi perché sono emozioni collegate con la riflessione mentale.
I sentimenti sopportano l’ambivalenza SI mi piace anche se Non amo questi o questo… i sentimenti durano nel tempo e ci permettono continuità nel nostro atteggiamento.

La nostra attenzione è abitualmente orientata verso il mondo esterno o rimane prigioniera dei nostri incessanti pensieri.
Nello 
s.m.i.l. Training si pratica lo spostamento della nostra attenzione verso il mondo interiore = verso il nostro corpo e per questa ragione verso le nostre sensazioni. Una tecnica non invasiva di respiro che ci aiuta ad entrare più profondamente in noi, senza perdere contatto con il mondo esterno. Arrivati in questa dimensione “alfa” (tra 7 e 14 hertz) si descrive quello che sentiamo nel nostro corpo senza fermarsi a una qualsiasi valutazione positiva o negativa. Si tratta di quell’atteggiamento che chiamo “lo sguardo del bambino curioso e non prevenuto”.
Questa pratica ci permette di prendere automaticamente distanza dai nostri pensieri
 incessanti. Non cerchiamo di “non pensare” ma ci concentriamo su quello che sentiamo nel nostro corpo prima ancora di descrivere le nostre emozioni.
Descrivere emozioni senza dar loro un valore positivo o negativo richiede un po’ di pratica. L’abitudine di descrivere le nostre sensazione fisiche ci permetterà più tardi anche di prendere coscienza delle nostre emozioni con più distanza, senza identificarsi con loro, senza essere l’emozione stessa, di sviluppare la „presenza“ (lo stato di coscienza tra beta e alfa).
Questo passo collega o ricollega emotivamente una qualsiasi esperienza alla nostra coscienza momentanea. Attraverso questa accettazione di quello che “è” adesso, questo “collegamento”, possiamo interagire con il vissuto e permetterlo di cambiare e di migliorare “naturalmente” la nostra situazione senza dover per forza “capire” intellettualmente il “perché”.

Rilassamento…. lusso o necessità?

riassamento     s.m.i.l. logo+titel - 50%

“Mi piacerebbe rilassarmi, ma sfortunatamente non ho tempo!”
Oppure…
“si…mi  fa subito bene… ma non resisto a lungo di fronte allo stress quotidiano!”
Mi capita di sentire spesso questo genere di risposta o atteggiamento.
Nello 
s.m.i.l training si pratica il “minuto del cuore”. Un minuto di “rilassamento emotivo” con una respirazione appropriata in mezzo alla vita quotidiana. In tutto forse 15 volte al giorno =
ci sono solo 15 minuti di tempo necessario per tutta la giornata! 
     “Il minuto del cuore” viene ripartito come degli piccolissimi “snack” luongo tutta la giornata invece dello classico metodo “sandwich” dove il rilassamento o la meditazione si fanno 2 o 3 volte durante la giornata per 30 o 60 minuti = 1,5 o 3 ore in tutto.
Questa “piccola” differenza d’approccio ha un’influenza enorme su la chimica interna del nostro corpo. Questi piccoli “ricordi” ripetitivi rendono nostro corpo dolcemente più rilasciato, tranquillo, e lo aprono ad un atteggiamento fiducioso e costruttivo difronte alle sfide della nostra vita. s.m.i.l. gesicht allein 3-2016.
Il “minuto del cuore” ci cambia profondamente, in maniera impercettibile.

????????????

La mente NON ama!
       Se la mente non ama, chi ama?

Der Verstand liebt nicht!
Aber wenn der Verstand nicht liebt, wer liebt?

La raison N’aime PAS!
        Mais si la raison n’aime pas, qui est-ce qui aime?

The brain is not able to love!
      If it is not able, who loves?